Questo blog e' libero dal NOFOLLOW!

Articoli contenenti il Tag ‘Google’

tman

Windows Mobile per come è stato costruito dovrebbe far sentire a proprio agio tutti gli abituali utilizzatori di Windows in versione Desktop, questo è vero la maggior parte delle volte… ma non sempre. Per chi è alle prime armi con un PocketPC, o con uno Smartphone, può risultare disorientante l’esperienza che si prova quando vengono lanciate più applicazioni; in tal caso infatti l’ultima applicazione occupa l’intero display rendendo difficile recuperare l’applicazione precedente e rendendo difficile comprendere quali applicazioni sono ancora aperte. Come si può immaginare tale inconveniente risulta ancora più fastidioso nel caso di un dispositivo con poca memoria disponibile, dove risulta controproducente applicazioni non più utilizzate. A risolvere il tutto ci pensa tMan, un pratico ed estremamente leggero programma Open Source, che svolge il compito di task manager permettendoci di chiudere o passare da un’applicazione all’altra con estrema facilità. A quello che è il suo compito principale tMan ha affiancato ulteriori feature quali il Soft reset, lo Screen-off, il Power-off, lo Screen rotation, il WiFi On/Off, il Bluetooth On/Off. Il programma risulta essere localizzabile, con un po’ di buona volontà è possibile tradurre il .lng seguendo le indicazioni delle apposita guida, ma volendo può essere utilizzato tranquillamente in inglese (magari se ho un pò di tempo mi cimento nella traduzione). Il programma risulta essere estremamente configurabile per quel che concerne la pressione pulsante di chiusura, permettendo di scegliere gli effetti da associare ai diversi eventi.

Download:
tMan v0.9.11 – .cab – per Windows Mobile

115 reads

Categorie: Open Source, Software, Windows Mobile

SwitchOff

Quante volte avete desiderato poter spegnere un pc collegato a internet o in rete locale da remoto, perché ha terminato il compito per cui era stato precedentemente acceso? Quante volte siete stati costretti ad usciere e a lasciare acceso il pc per svariate ore solo per stampare un lungo documento per il quale si sarebbe impiegato al massimo 30 minuti? e l’elenco di domande si può allungare per chilometri perche di motivi per lasciare acceso un pc per un tempo limitato ce ne sono infiniti! Se avete risposto affermativamente a tutte le domande, ma anche no… Switch Off è il programma che fa al caso nostro! Non si tratta di un programma nuovo, anzi è un pò vetusto… l’ultimo aggiornamento risale al 2002… ma considerando che il suo lavoro lo svolge egregiamente poco importa la sua età. La mia è una riscoperta di questo programma, infatti lo uso moto spesso per temporizzare lo spegnimento del pc (il programma comunque esegue anche altre funzioni come: Restart, Logoff, Lock, Hangup, Standby, Hibernate, Fast restart), soltanto che ne ignoravo una funzione che negli ultimi periodi mi avrebbe semplificato la vita… lo spegnimento di un pc da remoto! Spinto proprio dalla necessità di dover accedere da remoto all’Harddisk del mio pc domestico, dal desiderio di non lasciarlo acceso inutilmente per una intera giornata, ho iniziato una ricerca per risolvere il problema… e non potete capire la mia sorpresa quando Google mi sbatte in faccia un nome che non mi suonava nuovo!Sono corso a premere il pulsante options e mi si è palesato davanti agli occhi la linguetta  Remote control. Dopo un rapido settaggio ho potuto verificare come effettivamente il programma eseguisse i comandi da remoto, impartiti attraverso una semplice ed essenziale interfacci web, come se fossero impartiti in locale. Rispetto all’interfaccia locale quella remota permette soltanto (si fa per dire…) di eseguire immediatamente le funzioni elencate precedentemente, senza la possibilità di temporizzarle; certo questo è un peccato… sarebbe potuto essere un ulteriore features… ma infondo non essenziale.

Impostare il programma affinché possa essere utilizzato in remoto è realmente semplice; come primo passo è necessario andare nella sezione Remote control delle opzioni ed abilitare l’interfaccia web segnando la casella Enable web interfacce, impostare una porta libera del vostro router (di default è suggerita la 8000). Ci si potrebbe fermare a questo come prima parte, ma per maggiore sicurezza consiglio di selezionare anche le caselle Allow remote access only to: (dove andranno messi i dati che verranno chiesti per poter eseguire i comandi impartiti da remoto) e la casella Ask password only when user trying initiate action (se volete che il programma chieda la password solo quando impartite i comandi). Il secondo passo consiste nel andare a mettere mano alle impostazioni del firewall del router… qui ogni modello fa storia a se e quindi se non avete molta dimestichezza col vostro è la volta buona che andiate a leggere il manuale… in poche parole si tratta di andare a liberare la porta (ad esempio 8000) dell’indirizzo locale del pc che dovrà essere comandato da remoto (ad esempio 192.168.0.2) ed il gioco è fatto. A questo punto sarà sufficiente aprire il vostro browser preferito e digitare 192.168.0.2:8000 (rifacendoci ai dati utilizzati negli esempi) per poter visualizzare l’interfaccia web di Switch Off.

Per coloro che avessero la necessità di comandare da molto remoto (utilizzando internet) lo spegnimento di un pc si rende necessario l’utilizzo di un sistema, di cui ho già discusso in un articolo precedente, che associ il proprio indirizzo ip numerico (quello con cui è identificato il nostro pc dal provider di accesso ad internet) con un nome di dominio più facilmente memorizzabile; tale sistema è obbligatorio per tutti quelli che hanno un indirizzo ip dinamico.

Download:
Switch Off – Version 2.3 – Windows

117 reads

Categorie: Freeware, Software, Trucchi, Vista, Windows, XP

massimo

Tra le tante applicazioni e gingilli vari messi in campo da Google, sicuramente  Google Maps e Google Earth sono quelli che apprezzo di più; vuoi perché mi permette di farmi un idea dei posti dove dovrò recarmi, vuoi perché magari ho nostalgia di un posto che è stata meta di un mio viaggio… vuoi per semplice curiosità.

Oggi aprendo l’enorme mappamondo di Google mi sono accorto di un differenza, non riuscivo a comprendere di cosa si trattasse effettivamente… ho impiegato un pò di tempo… ma tutto mi è stato chiaro appena ho deciso di vedere la mappa satellitare della mia abitazione. Era la risoluzione delle immagini, cresciuta notevolmente, che permetteva di distinguere veramente nei dettagli il panorama.

Avevo letto in giro del lancio del satellite Geo Eye di Google, ma anche che le prime immagini sarebbero arrivate per l’anno nuovo… e se si osserva quella che dovrebbe essere la data delle mappe visualizzate da Google Earth (3 Ott 2007) sembra confermare il fatto che ancora non si tratti delle immagini inviate dal nuovo satellite, fatto sta che la vista satellitare ora risulta avere una risoluzione maggiore, con tutti i benefici che ne seguono.

Per quanto riguarda le altre città italiane a primo acchito mi sembra che anche loro abbiano subito il medesimo trattamento… ma ammetto di non avere dei riferimenti recenti… dato che ultimamente sono andato a curiosare altri lidi. Voi che dite? La vista satellitare della vostra città ora ha una risoluzione maggiore?

214 reads

Categorie: Internet, Palermo

sferracavallo

Quante volte vi è capitato di immortalare un panorama? Almeno un paio di volte nella vita capita anche a chi non è un appassionato del genere! E quante volte rivedendo la foto di quel panorama vi siete resi conto che non siete stati in grado di immortalare tutta la sua bellezza, facendogli perdere gran parte del suo fascino? Al sottoscritto è capitato tante di quelle volte… ed è naturale utilizzando un normale obiettivo… che non riesce ad inquadrare tutto il campo visivo umano, e si limita ad una sola porzione.

Read the rest of this entry »

184 reads

Categorie: Driver, Mac OS X, Software, Trucchi, Vista, Windows, XP

qtraxOggi, dopo aver letto un’articolo su Downloadsquad in cui si parlava di Qtrax, mi sono letteralmente fiondato sul sito di questi  per verificare il tutto, allettato dalla possibilità di scaricare e ascoltare musica legalmente (coi tempi che corrono..), già avevo sentito parlare della cosa ma sapevo che ancora si fosse in trattativa.

Ammetto che il sito è veramente ben fatto, esteticamente curato e disponibile in diverse localizzazioni (italiano incluso). La cosa mi ha veramente fatto ben sperare nella qualità del prodotto, nella musica disponibile… comunque dopo aver scelto l’italiano come localizzazione e aver cliccato sul pulsante download mi trovo catapulta in un altra bell pagina dove viene reso noto che momentaneamente il player è disponibile solamente per XP e per Vista (non me ne vogliano gli amici del Mac, ma ho pensato poco importa), quindi fiducioso ho cliccato sull’ennesimo pulsante per il download…. ma per tutta risposta mi sono trovato scaraventato in una pagina bianca che mi avverte che il file non è presente nel server. Capite bene, la prima cosa che ho pensato è che magari non fosse corretto il collegamento dell localizzazione italiana, quindi ho provato a cambiare lingua e riprovare.

Nulla da fare, il risultato è identico, il player è stato proprio ritirato dal server! Ora rimane la domanda, a quando la possibilità di scaricare legalmente musica con Qtrax? Rimarrà soltanto un sogno? Controllando su google per pura curiosità ho potuto notare come il file indicato come mancante sul server sia disponibile su molti circuiti torrent. A questo punto credo che anche prelevando il suddetto player via torrent non si sarebbe in ogni caso in grado di ottenere musica gratuita, dato che in ogni caso il player deve essere autorizzato dalla Qtrax stessa all’acceso. Vedremo come si evolverà la cosa, sempre che si evolva, certo comunque che i tizi di Downloadsquad avrebbero potuto dare una controllatina al sito e toccare con mano, anziché limitarsi a girare la notizia.

Aggiornamento: provando ad utilizzare la localizzazione USA il player è scaricabile, infatti per ora Qtrax è limitato soltanto ai soli residenti in USA!

125 reads

Categorie: Freeware, Musica, Software, Vista, Windows, XP