Questo blog e' libero dal NOFOLLOW!

iDisk_AltVi è mai capitato di aver bisogno di un documento, creato magari parecchi mesi prima, che non avete messo nella vostra penna USB insieme al lavoro recente? Se avete a disposizione di un computer con accesso ad internet il problema può essere risolto con un drive virtuale. Questo non è che uno dei degli usi che se ne possono fare, infatti permette la condivisione di file con amici e parenti quando ci troviamo offline, per copie di backup, per archiviare i propri programmi preferiti in modo tale da effettuarne l’installazione in caso di necessita.

In rete si riescono a trovare svariati servizi, ogni giorno ne spuntano di nuovi, ma io mi limiterò a segnalarvene tre. Il motivo è presto detto, semplicità e caratteristiche interessanti.

 

 

PublicLibrary Iniziamo con Windows Live SkyDrive, ad esso possono accedere tutti coloro che possiedono un account Windows Live Messanger. Tra le caratteristiche possiamo elencare una capacità di 5GB e di permette di archiviare file personali, condividi i file con gli amici e condividi i file con tutti. Il sistema utilizzato per il caricamento dei file non permette la selezione multipla, per cui se vorrete archiviare le vostre foto non vi consiglio questo servizio.

 

 

 

logonew

Se lo spazio è una vostra priorità allora non potrete fare a meno di ADrive, con i suoi 50GB infatti surclassa molti degli altri servizi. Per essendo pubblicizzato come ancora in fase beta è pienamente funzionante e in continuo miglioramento. Rispetto SkyDrive si basa su un applet java che permette di caricare più agevolmente più file contemporaneamente, magari contenuti in una stessa cartella.

 

gmail

La terza soluzione si basa sull’uso di una casella di posta elettronica di GMail come disco virtuale, attraverso l’uso di GMail Drive shell extension. Questo metodo ha dei vantaggi rispetto alle soluzioni elencate precedentemente andandosi ad integrare in Risorse del Computer, ma ha anche dei svantaggi non essendo gestito nativamente da Google, percui i file che andremo a spostare su tale drive saranno trasformati in mail contenente allegati e come tali avranno delle limitazione nelle dimensioni. Altro svantaggio è dovuto hai controlli di Google, i quali intervengono in caso di eccessivo traffico bloccando momentaneamente l’account per un numero di ore variabile.

Ricordatevi che:

  • i servizi menzionati sono tutti gratuiti.
  • che nel caso di dati riservati è consigliabile con una password e/o criptarlo.
  • che è sempre sconsigliabile affidarsi esclusivamente a tali servizi per lo storage dei vostri dati.
  • che non sono responsabile di eventuali danni ai vostri dati derivati dall’uso di tali servizi.

Non vi resta quindi che scegliere il servizio più adatto alle vostre esigenze. Happy 

 


Hai trovato interessante quest'articolo? Dagli un voto... mi aiuterai a migliorare!

Puoi trovare altri interessanti articoli nella Homepage

117 reads

Categorie: Internet, Software, Trucchi, Windows



I commenti sono chiusi.